Regolamento Nido Privato

Art. 1 – Possono essere iscritti all’asilo nido i bambini che abbiamo compiuto il 3° mese di età.
Art. 2 – L’inserimento del bambino al nido deve avvenire in modo graduale, rispettando le reazioni del piccolo che potrebbe avere una fase di rifiuto. Una volta inserito, il bambino
potrà fermarsi al nido, nei primi giorni, solo alcune ore.
Art. 3 – La domanda di iscrizione deve essere presentata in Segreteria.
Art. 4 – La frequenza è consentita fino al compimento del 3° anno di età o comunque fino alla conclusione dell’anno educativo.
Art. 5 – Il bambino non potrà frequentare il nido in caso di:
 presenza di febbre;
 infezioni intestinali (diarrea);
 infezioni dello stomaco e dell’intestino (vomito);
 tosse fastidiosa e continua;
 malattie infettive;
 eruzioni cutanee;
 congiuntivite;
 pediculosi.
Art. 6 – In caso di sintomi di malattia, e su segnalazione da parte delle educatrici, i genitori devono essere sempre reperibili e disponibili per il ritiro del bambino.
Art. 7 – Non è consentito alle educatrici somministrare alcun tipo di farmaco ai bambini.
Art. 8 – I bambini che si assentano per più di 5 giorni per motivi di salute (compresi sabato e domenica) sono riammessi alla frequenza solo dopo presentazione del certificato medico.
Si precisa che il certificato medico dovrà essere presentato al nido al mattino, al momento del rientro del bambino. Per nessuna ragione, pertanto, potranno essere riammessi bambini sprovvisti di certificazione.
Art. 9 – Qualora si verificassero piccoli infortuni, le educatrici effettueranno una prima medicazione.
In tutti gli altri casi il bambino, previa comunicazione alla famiglia, ove possibile, sarà portato al pronto soccorso dell’ospedale, tramite ambulanza o altro servizio idoneo. In assenza di genitori o parenti, il bambino sarà accompagnato da una educatrice.
Art. 10 – In caso di intolleranze alimentari, i genitori devono presentare un certificato del medico curante in cui saranno indicati i cibi consentiti, quelli da evitare e la durata della dieta.
Art. 11 – La mancata frequenza superiore ai 15 giorni esige che si comunichi al nido la volontà di conservazione del posto.
I bambini che rimarranno assenti dal nido senza giustificato motivo per un periodo continuativo superiore ad 1 mese, saranno considerati dimessi.
Art. 12 - La retta mensile è dovuta:
 per intero anche in caso di frequenza inferiore a quindici giorni;
 al 50% in caso di assenza per l’intero mese.

Art. 13 – E’ consigliabile far indossare al bambino indumenti che consentano la massima libertà di movimento, sia per il bambino stesso che per le educatrici al momento del cambio.
Per la loro incolumità i bambini non dovranno indossare catenine, braccialetti, fermagli ed altro che possa risultare pericoloso.
E’ necessario inoltre portare un cambio completo, un piccolo asciugamano, pannolini, 3 bavaglini per la pappa.
Questi indumenti dovranno essere ritirati il venerdì e riconsegnati il lunedì. Per maggiore praticità si consiglia di evitare di vestire il bambino con le salopette.
Art. 14 – L’asilo nido è aperto dal lunedì al venerdì, dalle ore 7,30 alle ore 18,00; l’anno educativo decorre dal 1° settembre al 30 giugno con la sola interruzione del mese di agosto.
Si precisa che nel mese di luglio il nido sarà regolarmente funzionante e potranno usufruire del tempo prolungato solo i bambini iscritti durante l’anno scolastico.
Art. 15 – Il ritiro dei bambini deve avvenire, nell’orario stabilito, da parte di un genitore o persona da essi delegata per iscritto.
Art. 16 – Al fine di garantire la tutela della salute del bambino e della collettività, si raccomanda il pieno rispetto delle norme illustrate.